NicolasGarden - Schede di coltivazione, consigli e segreti per coltivare al meglio i vostri orti, giardini e balconi.

Come moltiplicare le fragole tramite stolone

Come moltiplicare le fragole tramite stolone

In questa breve guida voglio insegnarvi il metodo più semplice per ottenere moltissime piante di fragole a partire da quelle che già possediamo, in modo da poter ingrandire la nostra coltivazione casalinga a costo zero e avendo ogni anno piante giovani e vigorose. Le fragole infatti sono piante perenni, ma tendono a perdere parte della loro produttività e del loro vigore con il passare degli anni, dunque conviene tenerle per un paio di anni al massimo prima di sostituirle. A volte accade di trovare la varietà che ci piace, per un anno la coltiviamo e quando torniamo in vivaio l’anno successivo non troviamo mai esattamente la stessa varietà e magari dobbiamo accontentarci di piante che magari non producono nella maniera che ci aspettiamo. In questo caso la tecnica in questione vi sarà molto utile: con questo metodo potremo appunto rinnovare la nostra varietà di fragola ogni anno e all’infinito, aumentando esponenzialmente il numero delle nostre piantine nel caso lo volessimo.

Uno stolone di fragola cerca di attecchire nella fessura di un muretto

Lo stolone è un fusto modificato, possiede un andamento parallelo al terreno e viene definito come un “fusto strisciante” per via del suo portamento. Molte piante di sottobosco se ne servono per coprire a macchia d’olio un terreno in breve tempo, in modo da poter competere con gli altri vegetali. Ad ogni nodo di questo sottile fusto si sviluppa una piantina parzialmente formata, che in breve tempo affonderà le radici nel terreno e inizierà la sua vita come pianta a sé stante.

Dal periodo successivo alla fruttificazione fino all’autunno, le fragole possono produrre gli stoloni e sarà nostro il compito di governarli a piacimento, in modo da farli radicare dove preferiamo.

Procedimento

La prima cosa da fare è individuare la pianta che ci interessa e selezionare i germogli più belli, che solitamente si formano nei nodi più vicini alla pianta madre. Devono avere già un paio di foglie e i primi abbozzi di radice nella parte basale della piantina.

Uno stolone abbastanza sviluppato da poter essere utilizzato.

Quando abbiamo scelto le piantine più sane e ben sviluppate tagliamo tutte le altre, in modo da non creare competizione e far si che la pianta madre si concentri solo su quelle che abbiamo selezionato.

Prepariamo dei vasetti non troppo grandi e riempiamoli di fibra di cocco o di torba. Muniamoci anche di un piccolo peso, come un sasso o di una forcina per capelli, in modo da tenere la piantina a contatto con il suolo senza il rischio che una folata di vento o una disattenzione possano spostarla.

Prendiamo il vasetto già pronto e appoggiamo sul substrato la piantina, senza interrarla o staccarla dalla pianta madre. Utilizzate il sasso o la forcina per tenere fermo il fusto e bagnate delicatamente il terreno, ricordandovi di mantenerlo umido.

Dopo un paio di settimane potrete dividere la vostra piantina dalla pianta madre tagliando semplicemente il fusto che le collega. Iniziate a concimarla con un concime universale di ottima qualità una volta al mese.

Prima dell’inizio dell’autunno o in primavera potrete trapiantare le vostre giovani fragole a dimora, avendo cura di preparare il terreno in maniera adeguata e concimandole con un ottimo concime granulare che andrà distribuito sul terreno dopo la messa a dimora.

Link ai materiali

Articoli che potrebbero interessarti

Leave a reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: