NicolasGarden - Schede di coltivazione, consigli e segreti per coltivare al meglio i vostri orti, giardini e balconi.

Come e quando piantare aglio e cipolla

by Nicolasgarden
Come e quando piantare aglio e cipolla

Oggi parliamo di due ortaggi differenti, ma che hanno un metodo di coltivazione molto simile: l’aglio e la cipolla. In particolare vi racconterò la prima fase della coltivazione, quella che riguarda la preparazione del terreno e la messa a dimora, cercando di essere il più esaustivo possibile.

Terreno: qual è quello ideale?

Un terreno ben lavorato e concimato ovviamente vi permetterà di raggiungere i risultati migliori, per queste piante quello più adatto dovrebbe essere: 

  • Sciolto e ben drenato, in modo da permettere la crescita del bulbo e evitare ristagni idrici, che potrebbero far marcire la pianta.
  • Poco sassoso e senza asperità, per evitare che il bulbo cresca in maniera deforme, si lesioni o peggio ancora arresti il suo sviluppo.
  • Ricco di sostanza organica, che è molto utile per mantenere la fertilità del terreno, permetterne l’arieggiamento e favorire lo sviluppo della microfauna del suolo.

Prima di passare al trapianto dovrete lavorare il terreno con una fresa o una zappa, interrando del letame maturo, dello stallatico o dell’humus, cercando di renderlo il più fine e omogeneo possibile.

In questo articolo parlo in maniera più approfondita di come lavorare il terreno.

Cercate di fare questa operazione almeno un paio di settimane in anticipo, in questo modo il terreno si mescolerà meglio con la sostanza organica aggiunta ed eventuali semi di erbacce nasceranno così che le giovani piantine saranno facili da eliminare con un’altra zappatura leggera.

Questa tecnica viene utilizzata in agricoltura biologica e viene chiamata “falsa semina” e ha esattamente lo scopo di eliminare la maggior parte delle erbe infestanti senza l’utilizzo di diserbanti.

In mancanza di un orto potrete dedicarvi anche alla coltivazione in vaso: sarà sufficiente munirsi di un vaso molto capiente ( minimo H 40 cm, L 60 cm, P 30 cm) riempito per metà di terra da giardino e metà di terriccio universale, avendo la cura di aggiungere anche qui un paio di manciate di humus o stallatico.

Quando e come piantare?

L’impianto si effettua solitamente tra ottobre e novembre, utilizzando dei piccoli bulbi di cipolla “da seme” e degli spicchi d’aglio non trattato, che trovate solitamente in tutti i garden center e consorzi agrari in questo periodo, ma se non avete voglia di andare ad acquistarli trovate i link per acquistarli su Amazon.

Nelle mie zone è consuetudine trapiantare nel giorno di San Simone che cade il 28 ottobre, infatti secondo la tradizione in questo giorno le condizioni sarebbero ottimali per favorire la futura crescita. La “semina” va effettuata piantando i bulbilli in file distanti 40 cm tra di loro, mentre sulla fila basterà mantenere una distanza di 20 cm tra ogni bulbo. Questi dovranno essere piantati ad una profondità doppia rispetto alla propria altezza, quindi se questo sarà lungo 3 centimetri il buco dovrà essere profondo 6 cm. Per fare il buco vi consiglio l’utilizzo di un trapiantatoio come questo, perché vi permette di fare un buco conico e stretto, facendo si che il bulbo si posizioni perfettamente in verticale. Infine vi consiglio anche di distribuire sul terreno un buon concime granulare quando inizierete a vedere i primi germogli sbucare dal terreno, ripetendo l’operazione in primavera.

Articoli che potrebbero interessarti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: